Mangiare sano: 11 modi economici per farlo da oggi

Vuoi trovare il modo di risparmiare quando fai la spesa senza rinunciare alla qualità e ad un’alimentazione sana? Ecco come fare…

“Spendi sempre un soldo meno di quel che guadagni”

Cesare Cantù (storico e politico italiano del 1800)

Una corretta e sana alimentazione sta di sicuro alla base di una buona qualità di vita. In questi tempi di crisi poi adottare alcuni trucchi può proteggere non solo la nostra salute ma anche le nostre tasche. Vediamo in che modo alcune semplici regole possono preservare il nostro conto in banca e farci sentire in forma.

Ne abbiamo estrapolati 20.

20 modi per mangiare sano senza spendere tanto

1-Non andare a fare la spesa affamato

Se quando entri al supermercato, vieni da 12 ore di digiuno forzato o sei vittima di un vuoto nello stomaco grande almeno quanto il buco dell’ozono, è probabile che il tuo carrello si riempirà oltremisura, e niente di strano, se è pieno per lo più di cose che potevi decisamente evitare, con conseguenze dolorose per il tuo povero bancomat. Lo stimolo della fame non è una buona compagnia quando si va a fare la spesa. Sarebbe meglio, dunque, che ti concedi uno spuntino prima di recarti al super, così da non trasformarti in un potenziale gigante divoratore.

 

2-Fai una lista della spesa

Andare a far spese con una cognizione poco chiara di ciò che serve realmente, può portarti ad acquistare prodotti non necessari e farti quindi spendere soldi in più. Fai una lista, dunque, e cerca di attenerti ad essa. Così il badget resterà entro livelli contenuti e non rischierai di trovarti poi a risolvere problemi di scadenze e deteriorabilità dei prodotti.

 

3-Prediligi i cibi freschi a quelli in scatola

Le zuppe pronte contengono conservanti e spesso troppo sodio, la frutta in scatola prevede l’aggiunta di conservanti e zuccheri, il tonno in lattina è inzuppato d’olio. Dove voglio arrivare? I cibi confezionati sono alterati nelle sostanze, quelli freschi invece mantengono i naturali ingredienti. Inoltre, per tutta la roba confezionata, paghiamo chiaramente la confezione, per cui i costi lievitano notevolmente. Hai voglia di un bel purè? Lascia perdere i fiocchi nel cartone; compra patate e latte, e preparalo a casa tua!

 

4-Se non è naturale, non lo comprare

Il glutammato monosodico non cresce sugli alberi, i grassi idrogenati nemmeno. Stesso vale per i coloranti e gli edulcoranti. Eppure questi elementi stanno in molti prodotti commerciali ad uso alimentare. Triste a dirsi, questi stessi ingredienti sono stati collegati a fattori come diabete, obesità e danni al fegato. Tra gli scaffali perciò cerca e compra quello che si avvicini quanto più possibile a ciò che esiste in natura. Se ciò che mangi non può proprio venire dal tuo orto, fai almeno in modo che non venga nemmeno da un laboratorio di chimica!

 

5-Mangia roba verde

Nel fare la spesa, compra cibi verdi. La frutta e la verdura costano meno della carne, del pesce, dei formaggi, del dolci e di molto altro ancora. Inoltre rinforzano il tuo sistema immunitario, e se non ti ammali, non sei costretto a comprare le medicine per le cure. Sono infine molto sazianti e ti consentiranno di assumere meno quantità di altri cibi meno sani e più costosi. Pensa quanto hai risparmiato rispettando questo solo punto!!!

 

6-Mangia cibi naturalmente dolci

Se ti piacciono i cibi dolci, scegli quelli che contengono naturalmente zucchero piuttosto che quelli con additivi aggiunti. Frutta, mais, bietole e patate dolci sono tra questi. Inseriscili nella tua dieta. Ci guadagnerai in salute e spenderai meno di quanto accadrebbe se comprassi roba confezionata annichilita di zuccheri artificiali e additivi di ogni genere.

 

7-No alle bevande zuccherate

Vietate le bevande zuccherate. Contengono un botto di calorie e quindi favoriscono l’aumento di peso, aumentano i rischi di sviluppare malattie cardiovascolari e pure il diabete. Se sono anche gassate possono creare gonfiori intestinali, meteorismo e ritenzione idrica. Sostituisci le bevande zuccherate con l’acqua, anche frizzante, le spremute e i succhi di frutta fresca senza zuccheri aggiunti.

 

8- Stai attento ai corridoi

I supermercati generalmente sono strutturati in un modo tale che troverai quasi sempre nei corridoi centrali i prodotti freschi, i latticini, il pane e altri generi alimentari, mentre in quelli laterali i cibi lavorati ad alta concentrazione di zucchero e ricchi ingredienti artificiali. Per una spesa sana ed economica cerca di attenerti al principio dell’80/20. Compra l’80% dei tuoi prodotti dai corridoi dei freschi e il 20% da quelli laterali.

 

9-Coltiva le spezie in casa

Le erbe aromatiche sono un ottimo modo per condire il cibo senza cadere nella trappola dell’eccessivo consumo di sale o nell’aggiunta di grassi come olio, burro o formaggio che fungono da insaporitori. Se ne hai la possibilità, coltivale in casa. Idilliaco sarebbe possedere un giardino, ma può bastare anche qualche vaso in balcone. La scelta è vastissima: basilico, prezzemolo, salvia, rosmarino e chi più ne ha più ne metta. Averli in casa non ti permetterà solo di rendere sfiziosi i tuoi piatti, ma anche di abbellire con del verde i tuoi spazi e di profumare naturalmente i tuoi ambienti!

 

10-Cucina tu invece di andare a mangiare fuori

Quando mangi a casa ottieni due risultati contemporaneamente: risparmi parecchi soldi e sai cosa esattamente cosa mangi. Un piatto di pasta all’amatriciana preparato a casa ti costa circa 2 €. Se lo ordini al ristorante lo pagherai almeno 8! La differenza è abissale. E non hai nemmeno la certezza sulla qualità dei prodotti utilizzati. La cena fuori ogni tanto ci sta, ma non farne un’abitudine. Sei costretto a far la pausa pranzo a lavoro? Quando puoi, porta qualcosa da casa. Non hai il tempo di far colazione al mattino? Chiedi aiuto alla dispensa prima di uscire e prendi qualcosa da mangiare per strada o in ufficio.

 

11-Risparmia sulla quantità

A differenza delle schifezze industriali (per cui ti ho consigliato i pacchetti monoporzione), quando acquisti prodotti di altro genere, scegli i grandi formati, o le grandi quantità. Dal fruttivendolo che ho sotto casa da qualche giorno vedo il cartello “7 chili di patate, 5 euro”. Se compri un chilo di patate lo paghi 1 euro, ma se ne compri 5, risparmi 2 euro. Qualora hai la possibilità di dividere con qualcuno o si tratta di prodotti non facilmente reperibili, punta sulla quantità. “Più ne compri e meno ti costa” è una strategia di vendita che permette anche al consumatore di avere dei vantaggi economici. Inoltre risparmierai tempo, perché se compri abbastanza cibo che sarà consumato in un più lungo periodo, non dovrai ogni due per tre tornare a fare la spesa!

 

9 Consigli bonus per un’alimentazione corretta

1-Fai una buona colazione

Iniziare la giornata apportando il giusto valore nutrizionale all’interno del nostro corpo rappresenta un buon inizio per tutte quelle che saranno le attività quotidiane. Alcuni studi hanno riscontrato che consumare cibi proteici a colazione può aiutare a controllare la fame che si presenterà ai pasti successivi, mentre altri esperti sono del parere che concedersi un’abbondante colazione ricca di carboidrati allontana la possibilità di accumulare chili in eccesso. Qual è la strada giusta da seguire, allora? La scelta è soggettiva e varia da persona a persona. Scegli tu i criteri che ritieni più adatti a te!

 

2-Non mangiare di corsa

Che si tratti della prima colazione o degli altri pasti quotidiani, cerca di ritagliare dei momenti in cui puoi mangiare in pace. Quando andiamo di fretta, il nostro corpo tenderà a farci ingerire più cibo di quello di cui abbiamo effettivamente bisogno. Tra l’altro, una masticazione sommaria può rendere più lenti e difficoltosi i processi digestivi. Infine, dato che mangiare costituisce un piacere, farlo in condizioni di stress aumenterà la sensazione di sentirsi “sotto pressione” e creerà scompensi all’intero organismo. Cerca di sederti a tavola ogni volta che devi consumare un pasto (anche se hai poco tempo), prendi mentalmente le distanze dalle responsabilità, e goditelo!

 

3-Non contare le calorie

Mettersi a fare calcoli matematici ogni volta che si deve prendere un boccone di chissà che, è una fatica (nonché tortura) che possiamo assolutamente risparmiarci. Invece di perdere la vista sulle etichette nutrizionali degli alimenti, concentrati piuttosto sul riuscire a combinare pasti che prevedano una buona varietà di cibi. Il piatto ideale deve contenere nelle giuste proporzioni una porzione di proteine, una di carboidrati e una di fibre. Ad aiutarti nell’elaborare i tuoi menu, ci stanno i colori.

Un piatto, ad esempio, con il rosso della carne, il bianco del pane, e il verde dell’insalata (ops, ho fatto la bandiera italiana. Giuro che è stato del tutto casuale!) costituisce un pasto completo dal punto di vista nutrizionale. Quindi mangia adeguate quantità di svariati alimenti, combinali fra loro, cambia cibi ogni pasto, ma per l’amor del cielo… dimentica il conteggio delle calorie!

 

4-Stai attento alle porzioni

E’ vero che devi mangiare proteine, carboidrati e fibre, ma se ingurgiti un chilo di salsicce con un chilo di pane e una teglia di melenzane alla siciliana (fritte, condite con pomodoro, formaggio, prosciutto e uova) è chiaro che la bilancia di prenderà a bastonate quando oserai presentarti al suo cospetto. Scegli i cibi giusti e opta per le porzioni più piccole. Al ristorante ti presentano una quantità tale di cibo che basterebbe a sfamare un paese del terzo mondo? Dividila col tuo amico. Oppure chiedi prima al cameriere in cosa consiste la portata, e se è eccessiva, scegli una mezza porzione.

 

5-Preferisci i cereali integrali

Il processo industriale a cui vengono sottoposti i cereali, li priva nella maggioranza dei casi di due componenti essenziali del grano: la crusca e le germe. Il problema sta nel fatto che proprio in queste parti del cereale risiedono gli ingredienti che arrecano il maggior beneficio all’organismo. Le vitamine, le fibre e altre sostanze benefiche stanno tutte in quelle due cose che invece le industrie gettano via. Quando fai la spesa dunque, scegli cibi integrali. Tutte le grandi e piccole aziende ormai producono nelle varianti bianco e integrale, quindi non avrai difficoltà a trovare i prodotti.

 

6-Sostituisci il dessert con la frutta

Sei un soggetto goloso che non rinuncia al dessert di fine pasto? In frigo hai un bel budino al cioccolato che ti guarda con occhi languidi? Se ci riesci, non cedere. Almeno non sempre. Ogni volta che puoi, fai un compromesso; mangia un frutto. A meno che tu non scelga un limone, la frutta è generalmente piuttosto zuccherina e soddisferà il tuo palato desideroso di sapori dolci. Se parliamo di proprietà benefiche poi, è favolosa perché ricca di vitamine, fibre e antiossidanti che daranno al tuo corpo un’iniezione di benessere.

 

7-Crea una “vetrina” nel tuo frigo

Quando si apre la porta del frigo, fai in modo che ciò che ti si para davanti agli occhi siano i cibi più sani. Se la torta al cioccolato è confinata nella torre più alta del castello più remoto del regno perduto, sarà più difficile che deciderai di mangiarla. Metti la roba fresca e sana come frutta e yogurt nella parte anteriore del frigo, come fosse in vetrina. Fa che il tuo frigorifero te la “venda”. Tu poi, fai il bravo e comprala!

 

8-Evita il cibo spazzatura

Lo so che gli scaffali dei supermercati sono pieni, ma questi alimenti precotti e pieni di conservanti, non solo sono generalmente ricchi di grassi a svantaggio di un adeguato apporto di calorie, ma li paghi anche di più in nome del fatto che ti risparmiano la fatica di cucinarli. La domanda è: il gioco vale la candela?

 

9-Confezioni monoporzione

Quando si tratta di snack poco sani, per evitare di consumarne quantità industriali, sarebbe meglio optare per i sacchetti monoporzione. Se ti metti sul grembo un pacco di patatine formato famiglia, è facile che smetterai di rosicare quando dentro la busta resteranno soltanto i granelli di sale che si son staccati dalle patate. Se invece hai a che fare con un pacco piccolo, magari mangi solo quello.

 

About rubel94

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*