Imparare l’inglese prima parte: lettura

Stai cercando d’imparare l’inglese ma nella lettura ti senti un imbranato? Ecco come migliorare…

Com’è che un essere umano terrestre in qualunque parte del mondo può imparare a parlare meglio una lingua? Non lo sai??? Te lo dico io: leggendola e parlandola!

Pensaci. Sebbene il linguaggio costituisca una forma d’apprendimento che avviene fin dai primissimi anni di vita, quand’è che un bambino perfeziona le sue capacità linguistiche? Quando va a scuola e impara a leggere.

Ti sei  mai scambiato quattro chiacchiere con un analfabeta? Di parlare sa parlare, e sa anche farsi capire, ma a che livello starà la sua proprietà di linguaggio? Probabilmente basico; userà un limitato numero di termini e di espressioni.

Bene, stabilito che la lettura è fondamentale per imparare bene qualunque lingua, adesso prestiamo speciale attenzione all’inglese.

Leggere materiale in inglese ti aiuterà a imparare una notevole quantità di vocaboli nuovi e favorirà le tue possibilità di sostenere delle conversazioni.

Non è scontato però sapere cosa e come leggere. E se la scelta non è canalizzata nella giusta direzione si rischia di fare un pessimo lavoro.

 

6 consigli pratici per migliorare le letture in inglese

 

1-Scegli materiale adatto al tuo livello

Sarà necessario renderti conto del tuo grado di conoscenza dell’inglese. Se scegli un libro per bambini quando sei più preparato, non imparerai niente di nuovo. Se invece prendi un testo di fisica nucleare mentre stai ancora ad un livello base, le parole che non conosci saranno talmente tante che non capirai un accidenti! Anche perché nel momento in cui devi passare ore a cercare nel dizionario parola per parola al fine di capire una frase, magari poi la traduci… ma quante di quelle parole riuscirai a memorizzare?

Non è meglio invece poche ma in testa? Se hai troppe cose da memorizzare, il risultato sarà che ti senti un imbranato e molli.

Bocciati dunque i testi troppo facili e quelli troppo difficili. Scegli piuttosto libri di facile lettura, disponibili in diversi livelli. In genere si tratta di romanzi classici realizzati appositamente e adattati a chi si avvicina alla lingua, ma esistono varie alternative che trascendono la letteratura. Giornali, riviste, articoli e testi su ogni argomento. Se ti colleghi ad internet, basterà un clic!

 

2-Scegli materiale interessante

Se vuoi mantenere alta la tua motivazione, devi cercare di rendere l’apprendimento una fase piacevole della tua vita. Attieniti ai tuoi gusti, scegli roba da leggere che sceglieresti nella tua lingua. Se in italiano non te ne potrebbe fregar di meno della regina Elisabetta e i suoi regali avi, non prendere un libro che parla di lei!

A cosa ti interessi normalmente?

Segui con passione un personaggio dello spettacolo? Che ne so… sei un fan degli U2? Di Barack Obama? Di Angelina Jolie? Leggi del materiale in inglese che parli di loro!

Scegli argomenti che attirano la tua attenzione o stuzzicano la tua curiosità. Se ti piace ciò che leggi, verrà quasi in automatico il desiderio di conoscere i termini che ti sfuggono; sarai come affamato di capire e l’apprendimento sarà un gioco da ragazzi!

 

3-Tira a indovinare

Un buon metodo per approcciarsi all’inglese è quello di capire il significato dal contesto. Se stai davanti a un libro e ti salta agli occhi una parola mai vista e mai sentita in vita tua, non correre subito al vocabolario. Leggi il resto, allargati nel contesto generale.

Magari capisci il senso e quando arrivi al dizionario avrai solo conferma di una cosa che hai capito. Del resto funziona così anche nella tua lingua madre, no? Se in una frase è contenuto un termine sconosciuto, è probabile che afferri lo stesso cosa significhi perché ci vai ad intuito, e anche se non ci azzecchi in pieno, comunque ti avvicini.

 

4-Presta attenzione a ogni parola ( e prenditi in mano la matita)

Dopo che avrai dato una scorsa generale a quel che stai leggendo, giunge il momento di prestare attenzione a ogni parola contenuta all’interno di una frase o di un periodo. Specialmente devi puntare sulle parole che non conosci.

Anche se hai capito di cosa si sta parlando, ignorare i termini di cui non conosci il significato, sarebbe un grande errore. Perché non imparerai niente di nuovo. Quando vedi una parola che non conosci invece, è buona norma sottolinearla a matita. Sarà quella che poi cercherai nel dizionario e ti svelerà il pieno significato di quel che hai letto.

 

5-Sii realista

Qualunque cosa tu decida di leggere per migliorare il tuo inglese, non essere megalomane. Dostoevskij e le sue quasi 700 pagine di “Delitto e Castigo” te lo sconsiglio vivamente, anche se sono tradotte in un inglese sublime. Per cominciare resta una pessima idea.

Se vuoi un libro, scegli uno sottile. Se invece ti indirizzi verso una rivista o in un articolo (magari su internet), assicurati che non sia troppo lungo. Scegli qualcosa che puoi iniziare e finire in un ragionevole periodo di tempo. Se hai equilibrio, non rischi d’incappare in fasi di noia mortale, la motivazione non subirà picchi in discesa, e avrai la sensazione di aver realizzato qualcosa.

 

6-Usa un buon dizionario

Un buon dizionario può fare la differenza sulla tua qualità di apprendimento della lingua. Se usi un testo scadente, farai un lavoro scadente, mentre la fatica è la stessa!

Quindi, tanto vale avvalersi di strumenti che mirino nel segno. Per non confondersi sulla scelta del vocabolario, sarà sufficiente sceglierlo di qualità inglese, per studenti ad un livello medio o avanzato.

Questi, i sei punti che ti avevo promesso. Se li fai tuoi nella lettura ti posso garantire che studiare l’inglese sarà un lavoro piacevole, imparerai tante parole nuove, facilmente e velocemente, e avrai posto delle ottime basi per diventare padrone della lingua.

Buona lettura! 😀

About rubel94

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*