Abitudine: perchè determina il tuo successo?

 persone di successoAbitudine…

Io sono la tua compagna di tutti i giorni,

Io sono il tuo più grande aiuto oppure il tuo più pesante fardello.

Posso farti andare avanti oppure trascinarti giù verso il fallimento.

Sono completamente al tuo servizio.

La metà delle cose che fai, le puoi far fare a me

ed io sarò in grado di compierle rapidamente e in modo corretto.

 

Mi faccio guidare facilmente

devi essere soltanto deciso  e fermo con me.

Fammi vedere esattamente come vuoi che sia fatto

e dopo sole poche lezioni, lo farò automaticamente.

Io sono la serva di tutti i grandi personaggi;

ma ahimè, lo sono anche di tutti i fallimenti.

 

Tutti coloro che sono grandi,

sono stata io a farli grandi.

Tutti coloro che hanno fallito,

sono stata io a farli fallire.

 

Io non sono una macchina

nonostante io lavori con l’intera precisione di una macchina

unita all’intelligenza di un essere umano.

 

Per te potrei essere un guadagno oppure una rovina,

per me non farebbe alcuna differenza.

 

Prendimi,

addestrami,

sii fermo con me,

e metterò il mondo ai tuoi piedi.

Sii buono con me,

o io ti distruggerò.

 

Chi sono?

Sono l’abitudine.

(Autore sconosciuto, fonte originale)

Cos’è un’abitudine?

Col termine abitudine s’intende una serie di atti individuo (per usare ancora l’esempio di prima, non è strano che chi faccia uso abituale e perpetuo di droghe, muoia prematuramente).

Compiuti in modo più o meno frequente e sempre secondo le stesse modalità. Forse la parola in sé ti farà pensare a qualcosa di noioso, ripetitivo, privo di stimoli.

Quando qualcuno viene definito un “abitudinario”, in genere è in chiave negativa; si parla di una persona prevedibile, dagli atteggiamenti scontati, di un tipo poco divertente.

Ma perché è importante avere delle buone abitudini?

In realtà una sana abitudine ha poco a che fare con la noia, è più che altro una questione di regolarità. Creare delle abitudini su aspetti importanti dell’esistenza umana, risulta essenziale per tenere alta o eventualmente migliorare la qualità di vita.

Dormire una certa quantità di ore al giorno è un’abitudine. Ti sogneresti mai di non farlo più?

Nutrirti regolarmente è un abitudine. La trovi una cosa noiosa? Pensi che potresti smettere di mangiare, perché “ti stufi a fare sempre le stesse cose”?

La maggior parte di noi è abituato a lavorare. Così come è abituato a lavarsi e a vestirsi. Che facciamo? Eliminiamo tutte queste abitudini?

Okay, non dormiamo più, non mangiamo più, non lavoriamo più, non ci laviamo più e restiamo sempre nudi.

Perfetto. Niente più abitudini. Così saremo finalmente… morti!

Ovviamente ho fatto esempi estremi, ma il punto è che avere (o creare quando è necessario) abitudini efficaci ci permetterà di vivere bene. Per dirne una: se creerai l’abitudine di fare esercizio fisico, otterrai benefici per la tua salute.

E’ vero anche che non tutte le abitudini sono sane e garantiscono il nostro successo. In questi casi è necessario intervenire affinché non cadiamo in una trappola che a conti fatti ci siamo costruiti da soli. Pensa a chi ha l’”abitudine” di drogarsi; avrà delle conseguenze tutt’altro che positive.

E’ a cose del genere infatti che si riferisce la poesia quando parla di “fallimenti”, “rovina” e “distruzione”. Le cattive abitudini possono letteralmente annientare l’intera esistenza di un individuo (per usare ancora l’esempio di prima, non è strano che chi faccia uso abituale e perpetuo di droghe, muoia prematuramente).

In questo articolo tuttavia ci concentreremo principalmente sulle buone abitudini e sulla loro importanza nella nostra vita.

Ma forse ti chiederai:

“Perché il successo o il raggiungimento degli obiettivi dipende da determinate abitudini?”

Beh, sono quattro le ragioni:

 

1) Perché siamo creature abitudinarie

Che ci piaccia o no, la nostra quotidianità è regolata da innumerevoli abitudini. Il 90% delle nostre azioni giornaliere è frutto di una routine. Ognuno ha i suoi personali riti e i suoi personali metodi per fare le cose. C’è chi beve il caffè tutte le mattine. C’è chi fa un bagno prima di andare a dormire.

Se anche tu accetti il fatto che sei come il resto della popolazione mondiale -un abitudinario- sarà più facile identificare quelle eventuali azioni ripetute che ci stanno impedendo di prendere la direzione in cui vogliamo effettivamente andare.

2) Perché tu sei la somma delle tue abitudini passate

Qui entra in gioco la legge di semina e raccolta. Quel che si semina si raccoglie, giusto? Quindi l’attuale “tu” è una somma delle tue scelte passate. Ad esempio, se oggi tu sei in sovrappeso, è perché “ieri” non ti sei nutrito in modo adeguato. Tutta una serie di passate abitudini errate in relazione all’alimentazione ti fanno avere adesso problemi con la bilancia. Non è facile ammettere i propri sbagli.

Spesso diamo la colpa dei nostri disagi all’ambiente in cui siamo cresciuti, alla sfortuna, alle azioni negative di altre persone… ma se ti fai carico delle tue personali responsabilità, avrai meno difficoltà a cambiare e migliorare le cose.

3) Perché la direzione -e non l’intenzione- determina la destinazione

Ti suonerà strano, ma le tue intenzioni non contano praticamente nulla. E’ la direzione che effettivamente prenderai a determinare il tuo futuro. Se hai voglia di una giornata al mare, e ti dirigi a nord verso le montagne, non arriverai mai dove volevi andare.

Non importa quanto tu sia determinato a raggiungere il mare, è la strada che percorri a farti arrivare nella destinazione stabilita. Lo stesso principio vale per ogni altra cosa.

Potrai avere tutte le intenzioni del mondo di realizzare qualcosa, ma se le tue scelte quotidiane stanno andando nella direzione opposta, non otterrai mai quello che desideri.

4) Perché finirai sempre dove poni  la tua attenzione

“Dov’è il tuo tesoro, là sarà il tuo cuore” disse una volta un uomo saggio. Le cose che desideriamo sono quelle che ci spingono a compiere azioni concrete per ottenerle. Questo è il motivo per cui è così importante avere un progetto di vita. Esso ti darà un indirizzo preciso.

Devi assolutamente sapere dove vuoi andare nella vita, perché avere una destinazione chiara in mente ti permetterà di canalizzare prima i tuoi pensieri, poi le tue azioni (che riguardano comportamenti e abitudini) al fine di conseguire i tuoi obiettivi.

Tu dove poni l’attenzione? Dove vuoi andare? Nessuno può seriamente affermare di non avere obiettivi reali per la propria esistenza. Se hai uno stile di vita impostato in un certo modo e non è quello che vuoi, può significare due cose: o che qualcun altro ha deciso per te o che ti sei lasciato talmente andare alla passività da non vivere realmente la vita ma subirla.

La scelta dev’essere solo e soltanto tua, e tu sei l’unico che può riprendere in mano la situazione qualora ne avessi perso il controllo.

Adesso soffermati un attimo a pensare a quali sono le tue abitudini, a che tipo di persona ti fanno essere e se è veramente ciò che desideri. Poi agisci per modificare ciò che non va bene, e crea un sentiero da percorrere. Forse ci sarà soltanto qualche sassolino da spostare, o magari devi proprio cambiare strada. In ogni caso, sei tu che stai al timone; scegli la rotta e perseguila!

Adesso tocca a te scegliere le abitudini giuste…

Azioni pratiche

  • prima di tutto fai la lista delle tue abitudini
  • scrivi su una pezzo di carta tutte le cattive abitudini
  • leggi l’articolo su “come eliminare la abitudini cattive”
  • scegli una nuova buona abitudine da questo articolo
  • ogni mese cerca di di creare almeno una buona abitudine

A proposito, quali sono le tue abitudini? Scegline una tra le tante e scrivila qui sotto nei commenti 😉

About rubel94

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*